Crea sito

Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione : Investimenti e trading online - 21/07/2018

Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione

Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione

Se da un lato la risalita dei tassi americani continua a peggiorare le condizioni di liquidità e quindi ad essere il principale fattore di fragilità nel breve termine, dall’altro lato va detto che nei dati economici, dopo una fase di peggioramento generalizzato, si aspettano segnali di stabilizzazione e ripresa per il 2014, specialmente in Cina ed Est Europa; un ulteriore contributo dovrebbe arrivare dal rafforzamento della crescita nelle economie sviluppate.

Riteniamo, pertanto, che quella a cui si sta assistendo non rappresenti una crisi vera e propria come quella degli anni ’90 ma una correzione, in quanto la maggior parte dei paesi emergenti risulta in grado di tenere il debito pubblico sotto controllo e presenta fondamentali solidi, surplus commerciali e ancora buone prospettive di crescita.

Del resto, secondo le stime di JP Morgan, la crescita sarà in media di poco superiore al 4% nel 2013 per salire a poco sotto il 5% nel 2014, contro rispettivamente l’1% e l’1,9% dei paesi Sviluppati. In conclusione il giudizio è neutrale.

Condividi offerta ADSL e telefono su:
Condividi su Facebook Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione Condividi su twitter Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione Condividi su delicious Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione Condividi su Ok notizie Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione

 

Promozioni gratis simili

Commenta news Azioni Paesi Emergenti: non si tratta di una ‘crisi’ ma di una correzione

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.